Mindhunter: la recensione della seconda stagione con Jonathan Groff

 

Mindhunter è apparsa per la prima volta sulla piattaforma Netflix nel 2017, lasciando agli spettatori quella curiosità sui possibili sviluppi futuri che solo un prodotto che viaggia nei meandri della mente può dare. La seconda stagione, creata da Joe Penhall e prodotta da David Fincher, è arrivata nella libreria del colosso dello streaming il 16 agosto, riconfermandosi un prodotto eccellente, disturbante al punto giusto e capace di creare suspense e tensione nonostante il ritmo narrativo non troppo cadenzato.

Mindhunter seconda stagione: sinossi

Holden Ford (Jonathan Groff) ha avuto un crollo nervoso in seguito agli interrogatori condotti…
Leggi l’intero articolo su: https://www.intrattenimento.eu/recensioni/mindhunter-s2-recensione/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.