Perché i DJ italiani non hanno successo

Gli esordi dei DJ seguono una traiettoria per lo più simile. La maggior parte di loro hanno infatti cominciato a sperimentare in cantina grazie ad una strumentazione regalata o magari prestata da un amico, ben presto però si sono ritrovati dietro le console ad animare le feste di compagni di scuola oppure a ritmare party…

L’articolo Perché i DJ italiani non hanno successo sembra essere il primo su Cultora.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.